martedì 28 febbraio 2012

whoopies di san valentino

Da tempo ne sentivo parlare su tutti i blog di cucina d'oltreoceano, così, dopo che ho visto che alcune delle blogger che seguo ne erano rimaste entusiaste ho deciso di cimentarmi anche io nella moda del whoopies per capire bene di che cosa si tratta!!!!
Sarò sincera, il whoopie qui da noi esiste da almeno trent'anni in commercio, si chiama infatti yoyo....
Altro non è che un biscottone composto da due strati morbidosi, tipo muffin e farcito con le più svariate creme.
quello che vi presento oggi è la mia interpretazione del whoopie di joyofbaking, modificato (italianizzato) e farcito con una semplice crema pasticcera alla vaniglia.
ingredienti per 8 whoopies grandi o 15 piccoli:

  • 250gr di farina 00
  • 80gr di cacao amaro 
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 160 gr di burro morbido
  • 140 gr di zucchero
  • 60 ml di latte tiepido
  • 120ml di acqua tiepida
  • 1 uovo
  • 1 bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale
per la crema:

  • 500ml di latte intero
  • 5 tuorli
  • 25 gr di amido di mais
  • 80 gr di zucchero
procedimento:
Accendete il forno a 200°. in una scodella miscelate la farina con il lievito, il bicarbonato, il sale ed il cacao.
In un'altra scodella  montate il burro con lo zucchero, aggiungete la vaniglia, conservando il baccello per la crema.
Aggiungete l'uovo e quando è bene incorporato al burro aggiungete a filo il latte e l'acqua tiepida.
Mischiate le farine al composto liquido e stendete il composto a cucchiaiate, distanti 5 cm l'una dall'altra, su una teglia da forno imburrata.
infornateli, abbassate la temperatura a 190° a fateli cuocere per 10 minuti, cioè quando la superficie comincia a spaccarsi.
per la crema pasticcera mettiamo a bollire il latte con il baccello di vaniglia. a parte montiamo i tuorli con lo zucchero, fino a farli diventare bianchi e spumosi, aggiungere la maizena e, solo quando il latte bolle, tuffare il composto nel latte, senza mescolare.
Aspettate che si formino tanti piccoli crateri di vapore all'interno della massa di uovo, spegnete il fuoco, date una mescolata veloce con la frusta e la crema è pronta, senza grumi e senza fatica!!
Quando i whoopies saranno freddi, staccateli dalla teglia, farciteli con la crema ed accoppiateli.


Io li ho decorati con una ghiaccia ottenuta mescolando 1 albume con 2-3 gocce di limone e 70 gr di zucchero a velo.

mercoledì 22 febbraio 2012

scrigno di salmone e spinaci

Questa ricettina me la sono inventata qualche giorno fa.
Sono a dieta da circa un mese(rischio di non entrare nell'abito nuziale!) così ogni giorno mi trovo a dovermi inventare qualcosa di sfizioso che oltre a riempirmi la pancia sia gradevole a vedersi...
Così, potendo mangiare150 gr di salmone, 50 gr di pane e verdure a volontà, ho deciso di creare uno scrigno di pane che racchiudesse tutti i sapori del pezzettino di salmone che mi spettava!
Ingredienti per 1 scrigno:
*40 gr di farina 00
*20 gr di acqua
*1 cucchiaino d'olio
*1 pizzico di lievito
*150 gr di salmone in una sola fetta
*150 gr di spinaci
*2 carote
*1 cipolla
*zenzero
*sale e peperoncino
*prezzemolo
Formate un impasto con farina, acqua, un pizzichissimo  di lievito di birra, ed un cucchiaino d'olio. lasciate riposare la pallina al calduccio.
Prendete gli spinaci e cuoceteli in padella con un pizzico di sale e una spolverata di zenzero.
Cuoceranno in 2-3 minuti.
A parte frullate un pezzo di cipolla con del prezzemolo, un po di zenzero ed un pezzettino di peperoncino fresco.
condite con la cremina ottenuta il salmone, copritelo e mettetelo in frigo a marinare per 15 minuti.
quando la pasta sarà lievitata stendetela con un mattarello,deve esser sottilissima, adagiateci sopra qualche foglia di spinaci e la fetta di salmone sgocciolata.
Aggiustate di sale e richiudete come un pacco.
Io avevo  della pasta in avanzo ed ho fatto delle piccole decorazioni sopra lo scrigno.
Infornate a 180° per 20 minuti o finché la crosta non sarà bella dorata.
Per guarnire il piatto, potete prender gli spinaci avanzati, frullarli con qualche cucchiaio di latte.
otterrete così un salsa da mettere a specchio sul piatto.
Con le carote invece, potete fare un'insalata leggera, tritandole a julienne e condendole con un pizzico di sale, un cucchiaino d'olio e un pizzico di peperoncino...Avranno un sapore dolce e leggermente piccante e serviranno a pulire la bocca dal salmone , che può risultare un po' untuoso.
ecco l'interno dello scrigno

con questa ricetta partecipo al contest di: diario della mia cucina

giovedì 2 febbraio 2012

ciambellone di Fulvio!!

Questa ricetta la posto per il mio più caro amico Fulvio, che adora fare colazione col ciambellone di casa e che diverse volte mi ha chiesto  una ricetta semplice semplice, adatta anche ad un single alle prime armi.
quindi eccola qui, semplice e speciale:

  • 3 uova grandi (tot200gr)
  • 1 bicchiere di olio di semi
  • 1 bicchiere di latte
  • 250 gr di zucchero
  • 250 gr di farina
  • 2 cucchiai di cacao amaro 
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • vaniglia o limone o arancio grattugiati
in una scodella rompere le uova, aggiungere lo zucchero e sbatterle bene per farle diventare spumose e chiare.
Aggiungere l'olio ed il latte, continuare a mescolare.
Setacciare la farina, mescolarla al lievito ed al pizzico di sale e aggiungerla al composto di uova.
bisogna ottenere un composto cremoso, che fila!
a questo punto aggiungiere gli aromi, a piacere e dividere il composto in due scodelle.
In una aggiungere il cacao ed un cucchiaio di latte e mescolare.
Imburrare ed infarinare una teglia da ciambellone,versarci i due impasti, uno alla volta.
Cospargere la superficie con un cucchiaio di zucchero semolato e mettere in  forno statico a 180° per 45 minuti.
Con un forno ventilato, la temperatura sarà di 170°x 35 minuti.
Mi raccomando di non aprire mai il forno prima di mezz'ora di cottura... altrimenti si affloscerà tutto!
Per vedere se è cotto, infilarci uno stuzzicadenti, se uscirà asciutto il dolce è pronto.
Lasciare il ciambellone nel forno spento con lo sportello aperto e toglierlo dallo stampo solo quando sarà freddo!!!!
E questo è il risultato....
il primo è con l'aggiunta di 100 gr di cioccolato tritato in superficie prima della cottura
con questa ricettina partecipo al contest di Francesca a Valentina:

mercoledì 1 febbraio 2012

calamari ripieni di riso e carciofi

I carciofi sono per me uno di quegli ortaggi che eliminerei totalmente dalla mia dieta, proprio non mi vanno giù!
Ma datosi che in questo periodo si trovano quelli teneri e sopratutto che sono economici al mercato (pensate che da me ne vendono 5 ad un euro)stamattina li ho presi, ed oggi, a pranzo, ho trovato un modo per farmeli piacere!!!!!!!!
così, visto che occhio non vede e cuore non duole, ho deciso si farne, con una parte una vellutata e con un altra un ripieno goloso per dei calamari.
ingredienti per 4 persone:

  • 4 calamari grandi
  • 4 carciofi
  • 200 gr di riso roma o vialone
  • 1/2 cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • un bicchiere di vino bianco
  • un bicchiere di latte ps
  • un mazzetto di mentuccia o nepitella
  • prezzemolo
  • peperoncino
  • sale
  • 4 stuzzicadenti
  • 4 cucchiai d'olio
Comincio subito col dirvi che sono a dieta e che quindi non uso soffritti ne troppo sale...voi però, se avete la fortuna di non essere cicciottelle come me, fate prima un bel soffritto con la cipolla, darà uno sprint alla vellutata!
Pulite i carciofi, divideteli, tenendo da parte i gambi.
In una casseruola mettete l'olio, la cipolla tritata, i petali di carciofo, un po di prezzemolo, sale e peperoncino.
Fate scaldare 2 minuti sul fuoco, poi coprite con vino bianco e lasciate cuocere.
In una scodella mescolate il riso sciacquato, i gambi di carciofo tagliati a rondelle, i tentacoli dei calamari, uno spicchietto d'aglio tritato e 4 foglie di nepitella.
Mescolate bene il ripieno, salate e riempite i calamari.
Chiudete i calamari con gli stuzzicadenti e bucherellateli.
Aggiungete i calamari ai carciofi che sono sul fuoco, Aggiungete acqua a coprire i calamari, mettete il coperchio e fate cuocere a fuoco lento per un ora e mezza.
Prima di servire, togliete i calamari,frullate con il minipimer  il fondo con i carciofi, aggiungete il latte per ottenere una bella vellutata e se vedete che si notano molto i pezzetti di carciofi, perchè magari non erano abbastanza teneri, passate la vellutata con un colino a maglie larghe.
Impiattate la vellutata con il calamaro tagliato ed una fogliolina di mentuccia.
Aggiungete un filo d'olio e qualche crostino per rendere il tutto più gustoso...anche se vi assicuro che con de piattini così, stare a dieta non pesa per niente!
e nemmeno mangiare i carciofi!!!!

con questa ricetta partecipo al contest  di arte in cucina e dolcizie