giovedì 22 novembre 2012

pentoline ai cinque cereali e ragù

Non so a casa vostra ma da me si respira già aria di natale.
Sarà perchè ho già tirato fuori i miei piatti natalizi, o forse perchè ho già preso le stelle di natale e sto preparando le decorazioni, ma fattostà che tutta l'euforia dei preparativi mi ha fatto venire un certo languorino.
Quindi, datosi che stavo preparando una pagnottella con farina ai 5 cereali, mi son detta, perchè invece del solito pane non creiamo qualcosa di più invitante, magari da mangiar con le mani vicino al caminetto!?
Così sono nate le pentoline, ripiene di tanto ragù saporito.
ingredienti per 6-8 pentoline:

  • 300 gr di pasta da pane
  • 200 gr di macinato misto manzo-suino
  • carota-sedano-cipolla
  • alloro-chiodi di garofano
  • pepe-sale
  • olio EVO
  • un bicchierino di vino bianco
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • qualche fetta di fungo porcino secco
  • 100 gr id provola affumicata grattugiata
In un mixer tritiamo 1 carota, una costa di sedano ed una piccola cipolla, mettiamoli in una casseruola con un filo d'olio e lasciamo soffriggere.
Quando viene su un bel profumino aggiungiamo la carne trita, mescoliamo per bene e lasciamo rosolare.
aggiungiamo a piacere i nostri profumi, io ad esempio metto alloro e chiodo di garofano, e solo quando la carne sarà rosolata sfumiamo bene col vino bianco.
Facciamo cuocere per mezz'ora, poi aggiungiamo i funghi messi precedentemente in ammollo e tritati.
mettiamo il coperchio e spegniamo.Quando sarà tiepido aggiungiamo la provola.
Prendiamo la pasta di pane, io l'ho realizzata con della farina fatta con un mix di 5 cereali, stendiamola ad uno spessore di mezzo centimetro, e aiutandoci con un coppa pasta rivestiamo degli stampini da muffin (ottimi quelli in silicone).
Versiamo il ripieno  fino a tre quarti dal bordo e copriamo gli stampi con un canovaccio.a parte prepariamo i coperchi delle pentoline, coppando dalla pasta restante tanti cerchi per quante pentoline abbiamo realizzato, creiamo il manico con una pallina di pasta e copriamo anch'essi con un canovaccio.
Accendiamo il forno a 200° e quando sarà a temperatura inforniamo prima le pentoline, poi dopo 10 minuri i coperchi, aspettiamo altri 8-10 minuti e sforniamo.
Servite le pentoline tiepide con il loro coperchio da pucciare nel sugo...che leccornia!!!!!


mercoledì 21 novembre 2012

Tiramisù fragole e champagne

Questo è un dessert che si presta ad essere consumato a mio avviso tutto l'anno. Niente di nuovo, sempre il solito tiramisù, molto più soffice rispetto al tradizionale e reinventato in flutes con tanta crema alla frutta. Le fragole infatti possono essere facilmente sostituite da frutti di bosco, frutta di stagione o perché no biscottini al cioccolato....
L'ho preparato la scorsa settimana, 10 minuti prima di cena per festeggiare i 7 mesi di matrimonio con il mio Lui.

ingredienti per 2 flutes:

  • 5 biscotti savoiardi o pavesini
  • 2 tuorli
  • 100 gr di mascarpone
  • 100 gr di panna fresca
  • 100 gr di zucchero
  • 1 bicchierino di champagne
  • 200 gr di fragole
in un pentolino versiamo lo zucchero, tenendone 2-3 cucchiai da parte.
Aggiungiamo qualche cucchiaiata d'acqua e mettiamo sul fuoco senza mescolare.
Dobbiamo portare lo zucchero ad una temperatura di 121°, in modo da poter pastorizzare i tuorli che altrimenti useremmo crudi.
Se non avete un termometro da cucina, considerate che il composto sarà a temperatura quando vedrete che si formeranno tante piccolissime bollicine e lo zucchero, ancora di colore trasparente si sarà completamente sciolto.
Cominciate a sbattere  tuorli con le fruste e versate lentamente lo zucchero sciolto.
Non preoccupatevi se all'inizio vi sembrerà di ottenere un brodo di uovo, man mano che il composto si fredderà, verrà bello montato e spumoso. Continuate quindi a montare finché il tutto non sarà tiepido e spumoso.
A questo punto incorporate con una paletta il mascarpone e la panna precedentemente montata.
ponete la crema in frigo.
Prendete le fragole e frullatele con lo zucchero tenuto da parte.
Mettete il composto di fragole sul fuoco, lasciate so-bollire per 2 minuti, sfumate con lo champagne e spegnete l fiamma.
Versate la crema di fragole in una ciotola per farla freddare.
Componiamo il dessert:
sul fondo della coppa disponiamo 1 biscotto a pezzettini, un cucchiaio di crema di fragole ed una bella cucchiaiata di crema tiramisù, facciamo altri 2 o tre strati, a seconda della grandezza del bicchiere e terminiamo con la crema di fragole.
Mettiamo le flutes in frigo per un'ora prima di servirle.
Io in questo caso, visto che sono fuori stagione ma a me piacciono da impazzire, ho usato delle fragole surgelate, ottime per salse e farciture, ma ahimè non per presentazioni. Se voi, invece,usate la frutta fresca sbizzarritevi nel decorare le vostre coppe!






lunedì 19 novembre 2012

Lasagnetta tricolore

Il pranzo della domenica è uno dei pochi momenti durante la settimana in cui posso cimentarmi nelle arti culinarie. Ed oggi, che è domenica, mi sono voluta cimentare in una lasagnetta vegetariana  per i miei amici ospiti.
Ingredienti per quattro porzioni:

  • 150 gr di farina 00
  • 2 albumi
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 cucchiaio di frullato di spinaci
  • olio EVO
  • 1 melanzana
  • Pangrattato
  • 1 spicchio d'aglio
  • 50 gr di provola affumicata
  • 4 pomodorini
  • Rosmarino
  • sale
Dividere la farina in tre parti.
Preparare tre composti diluendo il pomodoro con un terzo di albume, il passato, filtrato di spinaci con un altro terzo di albume e diluendo il restante albume con un cucchiaio d'acqua.
Impastare i tre composti con la farina, in modo da ottenere tre palline belle lisce e morbide, può servire altra farina mentre impastate, perciò tenetene sempre un pugnetto sul lato della spianatoia.
Fate riposare i tre composti, coperti con un po' di pellicola, per almeno una mezz'oretta.
Nel frattempo in una padella date soffriggere in 4 cucchiai d'olio uno spicchio d'aglio schiacciato con un rametto di rosmarino. Quando saranno dorati, eliminateli e tuffate la melanzana tagliata a cubetti grandi circa un cm.
fate rosolare a fuoco vivace per circa 10 minuti, poi spegnete, salate e pepate e coprite con il coperchio.
Mettete sul fuoco una pentola con acqua e sale.
Con il mattarello o con la macchinetta stendete i tre impasti, importante è che la sfoglia sia bella sottile, quasi trasparente.
Coppate da ogni colore 4 dischi di pasta del diametro di circa 15 cm, io non avendo i coppa pasta ho usato il coperchio di un barattolo.
In totale dovrete ottenere 12 dischi di pasta.
A questo punto dovrete scottare la pasta per un minuto, avendo l'accortezza di inserire prima la bianca,scolatela in acqua fredda, poi la rossa, scolatela dopo un minuto e infine la verde, mi raccomando,sempre un colore per volta, in modo che nn si mischino.
Prendete una teglia bella larga, accendete il forno a 180 gradi e componete la lasagnetta alternando la pasta ad uno stratodi melanzane e provola grattugiata. Terminate con una spolverata di pangrattato, un filo d'olio ed un pomodorino tagliato a pezzetti.
Mettete infine in forno per 10 minuti....sentirete che profumo...e che scena!!!!!!


domenica 18 novembre 2012

Cake pops

i cake pops sono una moda da tempo molto diffusa negli States e oramai non è più molto raro trovarne anche nelle nostre pasticcerie.
Il loro segreto sta nell'essere grandi come un boccone e sopratutto nella decorazione, che li rende simili a del lecca-lecca ed invoglia a mangiarne a volontà.
Realizzarli è semplicissimo, basta prendere del pandispagna o della torta avanzata, sbriciolarla ed aggiungere 2 o 3 cucchiaiate di nutella, marmellata o crema spalmabile.
Bisogna poi amalgamare bene il tutto e formare delle palline grandi quanto una noce.
E' a questo punto che la fantasia si può sbizzarrire, si può giocare a creare le forme più disparate, cuori, stelle, pupazzi e quanto siete in  grado di fare.
Mettete poi le ppalline in freezer per una mezz'oretta.
Quando si saranno rassodate, sciogliete a bagnomaria o nel microonde un po' di cioccolato (io fondente), infilzate ciascuna pallina in uno stecco di legno o da lecca lecca (se lo trovate) ed immergetela nel cioccolato fuso.
Sgocciolatela bene e decoratela con ciò che più preferite.
Si può scegliere di ricoprire i cake pops con della glassa colorata invece che con il cioccolato,  ma il mio consiglio è di imparare prima a farli col cioccolato e poi cimentarsi con le glasse colorate...
E una volta freddi, ecco il risultato:




mercoledì 14 novembre 2012

Sono passati tre mesi...ahimè, dal'ultima volta che sono riuscita a postare qualcosa su questo mio diario.
Forse un po' tanti si, ma che volete farci, sarò per il fatto che sono novella sposina, o che ho un nuovo lavoro che impegna gran parte della mia giornata...insomma, il blog è passato in secondo piano!
Molte sono le cose che ho fatto in questa lunga estate appena passata, così mi ritrovo qui a novembre con una casa nuova (e una cucina molto più grande della prima),molte esperienze in più e tante ricettine fotografate che non vedono l'ora di finire sul web!
Perciò uno dei buoni propositi di questa nuova stagione di scrittura è quello, se non altro di riuscire a postare almeno 5 ricette o post a settimana; si avete capito bene, mie amiche follower, voglio aggiungere una nuova sezione  in cui raccoglierò i miei diari di viaggio, tutti i ristoranti e le esperienze che faccio in giro, una sorta di vademecum per l'esploratore della trinacria, vista dall'esterno...
Ora non mi resta altro che mettermi di buona lena a scrivere, scrivere a ancora scrivere!
A presto
T.

venerdì 13 luglio 2012

carbonara di zucchine

magari vi sarete accorti che non posto più nulla da diversi giorni, ma con il lavoro ed il caldo, mi diventa impossibile la sera mettermi davanti alla calda tastiera del pc!
Mi sono ripromessa però di fotografare tutto quando di sfizioso esca dai miei fornelli e di postarlo nei primi giorni di frescura che avrò a settembre!!
Oggi intanto vi regalo un Piatto "estivo", la mia carbonara di zucchine, con le zucchine del mio orto, un piatto easy e veloce veloce, cha amo gustare accompagnato da un bel bicchiere di prosecco super ghiacciato!
ingredienti per 4 persone:


  • 4 zucchine
  • 1 spicchio d'aglio
  • prezzemolo fresco
  • mezzo limone
  • olio EVO
  • 4 uova
  • sale e pepe
  • 400 gr di farfalle 
Mettete a bollire una pentola con l'acqua per la pasta. Nel frattempo in una padella capiente schiacciate lo spicchio d'aglio e fatelo dorare con dell'olio.
Affettate le zucchine sottilmente, io elimino la parte centrale se è troppo spugnosa e saltatele in padella per 4-5 minuti.
Salate, pepate e tenetele da parte.
In una scodella rompete le uova, eliminando 2 albumi, aggiungete il limone grattugiato ed il suo succo e sbattete energicamente con una frusta.
Cuocete la pasta al dente, scolatela e saltatela in padella con le zucchine.
Spegnete la fiamma e unite le uova.
Mescolate velocemente, regolate di sale e pepe e impiattate.
Bon apetit!!!!!!


mercoledì 20 giugno 2012

tartufo al cioccolato bianco

Si lo so che la foto lascia un bel po' a desiderare, ma vi garantisco che il gusto vi ripagherà della mia pecca e vi farà esclamare:
"ah però!!"
Questa è una ricetta semplicissima da fare, potete utilizzarla anche per fare dei bicchierini con del pan di spagna, se non avete gli stampi.
ingredienti per 6 tartufi:

  • 150 gr di meringa italiana
  • 150 gr di panna semi-montata
  • 100 gr di cioccolato bianco( io Venchi)
  • 50 gr di cioccolato fondente extra
  • cacao amaro per spolverare
a bagnomaria fate fondere i cioccolati separatamente.
Dividete sia la panna che la meringa in due parti, 100 e 50, poi incorporate delicatamente prima il cioccolato bianco tiepido ai 100 gr di panna semi-montata, poi, sempre mescolando dal basso verso l'alto, aggiungete 100 gr di meringa italiana.
Fate lo stesso procedimento con i 50 gr di panna e meringa.
Versate le due creme ottenute in due sac a poche e spremete per bene prima il composto bianco negli stampi, poi quello nero, posizionando il beccuccio della sac a poche dentro il composto bianco (come per riempire un krapfen).
trasferite i tartufi in freezer per almeno 12  ore.
Prima di servirli, sformateli delicatamente e passateli nel cacao amaro....
sentirete che delizia!!!

giovedì 14 giugno 2012

spaghetti zucchine zenzero e cozze

Cozze, cozze, cozze...così saporite, gustose, e sopratutto economiche! Occhio ovviamente alla qualità ed alla freschezza, perché, ahimè, se per caso vi capitasse di mangiare di poco fresche, credetemi, ve lo ricorderete a lungo!!!
ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di spaghetti
  • 1 kg di cozze
  • 2 zucchine
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 pezzetto di zenzero
  • prezzemolo
  • peperoncino
  • olio EVO
mettere a bollire una pentola con abbondante acqua.
Nel frattempo, sciacquare le cozze sotto acqua corrente, eliminare il ciuffetto se presente.
In una padella mettete un filo d'olio ed uno spicchio d'aglio in camicia, aggiungete le cozze, un pizzico di peperoncino e mettete il coperchio.
Lasciate cuocere per 3-4 minuti, giusto il tempo che le cozze si aprino.
Scoperchiate, e sgusciate la metà delle cozze.
In un altra padella, mettete un filo d'olio, lo spicchio d'aglio in camicia ed un pezzetto di zenzero fresco.
Grattugiate le zucchine ed aggiungetele al soffritto e spadellate a fiamma viva.
Buttate la pasta, scolatela al dente, unitela alle zucchine, spadellate ed unite le cozze con il loro sughetto.
Se necessario, aggiungete u mestolo di acqua di cottura della pasta.
Prima di servire, spolverate con prezzemolo tritato e qualche pezzetto di peperoncino fresco....e buon appetito!

mercoledì 13 giugno 2012

Giardino di fragole

Tra il caldo afoso, il lavoro improvviso ed il godermi i primi mesi di vita matrimoniale ho tralasciato un po' il blog! Mi rendo conto solo ora che è passato più di un mese dal mio ultimo passaggio tra queste righe....
Il fatto è che ho sempre minuziosamente fotografato ogni piatto degno di nota, ma poi, quando mi trovavo a doverlo inserire, mi trovavo con altre mille cose a cui dare precedenza!
Comunque, bando alle ciance, ho deciso di rimettermi subito in carreggiata con una delizia del Pasticcere  Maestro Luca Montersino, la torta giardino di fragole.
Ora, non lasciatevi intimorire dalle lettere maiuscole, in realtà, se si ha un po' di dimestichezza e tanto entusiasmo è facile facile da realizzare...Pensate che la mia amica Gio' ne ha mangiati ben due pezzettoni dopo una cena luculliana!
Veniamo agli ingredienti per realizzare una torta per 8 persone, io utilizzo una teglia quadrata di 23 cm per lato.
Per la gelè:

  • 300 gr di yogurt intero
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 10 gr di colla di pesce
  • 120 gr di destrosio
  • il succo di mezzo limone
per la mousse:
  • 350 gr di purea di fragole
  • 15 gr di colla di pesce
  • 350 gr di panna
  • 180 gr di meringa italiana
per la bagna:

  • 50 gr di acqua
  • 50 gr di zucchero liquido al 70%
  • 10 gr di limoncello
finitura:

  • 350 gr di pan di spagna
  • 150 gr di fragole
Preparazione:
Ammolliamo la colla di pesce per la gelè, in un pentolino, scaldiamo metà yogurt con lo zucchero ed il destrosio.
Se non troviamo il destrosio possiamo aggiungere altrettanto zucchero.
uniamo la colla di pesce strizzata, aggiungiamo il succo di limone e,quando la colla sarà ben sciolta, aggiungere lo yogurt freddo messo da parte.
Foderiamo lo stampo con della pellicola, disponiamo le fragole affettate sul fondo della teglia, in ordine casuale ed aggiungiamo delicatamente la gelè di yogurt, facendo in modo che le fragole non si sollevino.
Mettiamo la teglia in freezer per un ora.
Nel frattempo prepariamo la mousse scaldando una parte di purea di fragole e sciogliendoci la colla di pesce precedentemente ammollata.
uniamo la purea fredda e, mescolando dal basso verso l'alto incorporiamo la meringa italiana prima e la panna montata poi.
Completiamo il dolce colando col sac a poche, o con un mestolo delicatamente la mousse sopra la gelè, livelliamo ed aggiungiamo uno strato di un cm di pan di spagna.
Bagniamo con la bagna, ottenuta unendo i tre ingredienti.
Aggiungiamo un altro strato di mousse e completiamo con un ultimo strato di pan di spagna.
Copriamo con della pellicola  e mettiamo in freezer per una notte.
Il giorno in cui dobbiamo servire la torta, sformiamola, decoriamola lucidandola con della gelatina neutra( solo se la troviamo) e delle fragole fresche.
Aspettiamo almeno 10 ore(tenendola in frigo) prima di servirla, per permettere alla torta di scongelare perfettamente e fare in modo che i sapori si abbraccino!
E che delizia sia!!!!!!!

lunedì 7 maggio 2012

2 spaghi al limone

Avete solo 5 minuti per preparare qualcosa di sfizioso ma non volete comunque rinunciare al gusto!? Ecco la soluzione....2spaghi!!!!
quelli che vi propongo oggi io sono semplicissimi e sanno d'estate!!!
ingredienti per 4 affamati:

  • 400 gr di spaghetti
  • 1 limone
  • 1 spicchio d'aglio
  • olio extravergine d'oliva
  • basilico
  • peperoncino
Quando l'acqua bolle tuffate gli spaghetti,io uso quelli "de cecco", che trattengono bene il sugo e son belli grossi.
In una padella mettete 5 cucchiai d'olio, lo spicchio d'aglio schiacciato e peperoncino a piacere.
Fate imbiondire per qualche minuto e tenete da parte.
Grattugiate la scorza di un limone e spremetene il succo.
Scolate la pasta molto al dente e fatela saltare nell'olio aromatizzato, aggiungete un po' di acqua di cottura e fate amalgamare. giusto un minuto prima di spegnere, aggiungete il succo di limone, la scorza e basilico tritato, ate saltare e voilà...
con questa ricetta partecipo al contest di 
diario della mia cucina:
h


martedì 1 maggio 2012

farrotto del mare

per la gita di fuori porta del 25 aprile abbiamo deciso di andare con i colleghi di mio marito ad esplorare la riserva naturale di Vendicari, un'oasi incontaminata dove il mare ed il panorama ricordano un po' l'isola deserta del film "travolti da un'insolito destino nell'azzurro mare d'agosto"
Così, dovendo organizzare un picnic, abbiamo deciso di preparare qualcosa di mare, trasportabile e non eccessivamente deperibile.
Io ho portato questo farro.
INGREDIENTI:

  • 500 gr di farro precotto
  • 500 gr di pesce misto per risotto
  • cipolla
  • prezzemolo
  • 500 gr di vongole
  • olio, sale, pepe
  • vino bianco
  • 1 lt di brodo di pesce o vegetale
Innanzitutto, io prendo in una pescheria del mio paese un preparato surgelato che si vende a peso, che comprende seppie, cozze, calamari e gamberi, tutto al naturale.
In una casseruola, tritate la cipolla finemente, fatela soffriggere in olio e quando diventerà trasparente aggiungete il pesce.
Lasciate cuocere per 5 minuti, dopodiché aggiungete il farro, tostate bene insieme al pesce e sfumate col vino bianco.
Salate, pepate e aggiungete il brodo bollente.
Lasciate cuocere  per i minuti indicati sulla confezione del farro e, in ultimo aggiungete le vongole crude, rimettete il coperchio e lasciate che si aprano col vapore.
Lasciate raffreddare il tutto a temperatura ambiente, tritateci sopra del prezzemolo, un filo d'olio e il piatto è pronto.
Io vi consiglio di prepararlo il giorno prima così i sapori si amalgameranno.
Questo è un piatto che è ottimo caldo, ma da il meglio di se se consumato freddo dopo un riposo di una notte in frigo.

giovedì 26 aprile 2012

tortino dama

Non ricordo se ve l'ho già accennato, ma secondo me il guru della pasticceria è Luca Montersino.
Da due anni infatti seguo con piacere le sue dritte ed i suoi consigli e devo dire che, da quando applico le sue regole, non ho più fatto cilecca!
così,nutrendo in questo periodo una passione smodata per le farine di mandorle e nocciole, ho deciso di provare a fare i suoi tortini dama, ovvero una rivisitazione nella forma dei classici baci di dama.
ecco la ricetta:

  • 125 gr di zucchero di canna
  • 190 gr di zucchero
  • 125 gr di nocciole tostate
  • 190 gr di mandorle non pelate
  • 315 gr di farina di riso
  • 290 gr di burro
  • 25 gr di tuorlo
  • crema gianduia per farcire
quindi nel mixer inseriamo gli zuccheri, le nocciole e le mandorle e facciamo tritare finchè non otteniamo una farina fine, a questo punto misceliamo con la farina di riso, aggiungiamo il burro morbido e lasciamo tritare ancora per qualche secondo il composto.
quando avremo ottenuto una crema, aggiungiamo il tuorlo, mescoliamo ancora qualche secondo, poi stendiamo l'impasto su un teglia, lo copriamo con della pellicola e lo mettiamo in frigo per almeno un oretta.
Accendiamo il forno a 170°.
Prendiamo l'impasto e stendiamo spesso mezzo centimetro.
ritagliamo tanti rettangoli uguali,(io li ho fatti 10x7cm) ed inforniamo per 20 minuti.
Mi raccomando di non toccare i biscotti finchè non saranno ben freddi, altrimenti farete come me, che ne ho sbriciolati 3!!!!
farcite con la crema gianduia nel mezzo e decorate a piacere.
Io conservo questi biscotti per massimo una settimana in una scatola di latta....anche se, vi assicuro, non dureranno più di due giorni!!

martedì 24 aprile 2012

le orecchiette ammollicate

Venerdi abbiamo invitato degli amici a cena, così, dopo aver passato la mattinata a pulire e preparare le leccornie per la sera, ho preparato queste deliziose orecchiette "ammollicate".
Sono davvero semplici da preparare e sopratutto sono molto molto gustose.
A voli la ricetta
ingredienti per due mangioni:

  • 5-6 alice fresche deliscate
  • 1 spicchio d'aglio
  • 6 pomodorini
  • due manciate di mollica di pane e pangrattato
  • prezzemolo
  • olio
  • sale e peperoncino
  • 300 gr di orecchiette
Mettere sul fuoco una pentola con acqua per cuocere la pasta.
In una padella antiaderente fate tostare il pane con un filo d'olio e tenetelo da parte.
cuocete le orecchiette e, nel frattempo, in una padella antiaderente fate imbiondire uno spicchio d'aglio, poi toglietelo ed aggiungete le alici, fatele saltare e sbriciolatele con un cucchiaio.
Aggiungete il peperoncino a piacere ed i pomodorini tagliati in 4 e fate saltare.
Scolate la pasta al dente mantenendo un mestolo di acqua di cottura, fatela saltare nella padella col condimento e solo prima di servire aggiungete il pane tostato ed il prezzemolo.

lunedì 23 aprile 2012

Forse è vero che quello che ho avuto io è stato un vero e proprio blocco dello scrittore, ho notato infatti che è quasi un mese che non aggiorno più il mio blog.
Le cose da raccontare sono molte e spero che ora, avendo un bel po'di tempo libero io possa raccontarvele tutte quante!!!
Tanto per cominciare il 14 aprile io ed il mio marinaio siamo finalmente convolati a nozze!!!!
Poi, il 2 aprile, ho partecipato come concorrente alla famosa trasmissione di ALICE TV "Attenti al cuoco"...non vi dico l'emozione...forse capirete un po' perché mi sono assentata così a lungo.
Partiamo innanzitutto col raccontarvi della mia partecipazione ad attenti al cuoco:
Quando il presentatore, Giampaolo trombetti, mi ha chiamata, credevo fosse uno scherzo messo su dai miei amici!
Infatti al telefono per i primi 3 minuti me la sono anche tirata un po', poi ,quando ho realizzato che in realtà quella che mi stavano offrendo fosse un vera opportunità sono sbiancata!!!!!!
Così mi sono organizzata con una ricetta che i miei amici avevano trovato strepitosa ed ho passato la settimana precedente a preparare 10 torte, tutte uguali, per non fare brutta figura poi in video!!!
L'accoglienza alla sitcom è stata davvero straordinaria, tutte persone gentili e che fanno di tutto per farti sentire a tuo agio. Io poi, sono stata tranquilla finché non si è accesa la lucina rossa della registrazione...ho cominciato a sudare ed a parlare a macchinetta...diciamo che per 8 minuti non ci ho capito nulla! Per fortuna il presentatore era sempre li pronto a riprendere ogni mia gaffe e alla fine è stato un vero successo!!!!
Ora spero di ottenere alti voti in modo da poter tornare di nuovo in trasmissione a presentare una nuova ricetta.
Ecco la ricetta che ho preparato:
CROSTATA DI MANDORLA CON CREMA AL CIOCCOLATO
ingredienti:

  • 100 gr di mandorle
  • 100 grammi di zucchero di canna
  • 100 gr di burro
  • 100 gr di farina 00
  • 1 tuorlo
  • aromi
  • 150 gr di cioccolato bianco
  • 100 gr di cioccolato fondente max 30% cacao
  • 300 gr di panna
  • mandorle in filetti per decorare
nel mixer mettiamo le mandorle con la pellicina e lo zucchero di canna e tritiamo finemente fino ad ottenere una farina.
Aggiungiamo la farina, mixiamo ancora, poi aggiungiamo il burro freddo.
Mixiamo per qualche secondo poi aggiungiamo il tuorlo, che contribuirà a creare una massa omogenea. mettiamola in un sacchettino per freezer e poniamola in frigo per un'oretta.
Nel frattempo prepariamo le creme al cioccolato: dividiamo la panna in due pentolini, poi mettiamola sul fuoco.
Lasciamola scaldare e prima del bollore aggiungiamo il cioccolato tritato.
Mescoliamo per bene, fino a far sciogliere il cioccolato e mettiamo le creme ottenute in frigo a raffreddare.
Stendiamo la frolla in uno stampo di 20-22 cm, mantenendo un bordo alto almeno 2 cm, copriamolo con carta forno, disponiamo sopra qualche fagiolo e una manciata di riso, per non far gonfiare la pasta in cottura e cuociamo il guscio di frolla in forno a 160° per 30 minuti.
Montiamo con una frusta le creme di cioccolato e quando il guscio di frolla sarà ben freddo decoriamo la torta a piacere.
Io ad esempio ho spalmato uno strato di cioccolato bianco e sopra ho messo il cioccolato fondente.
Ho decorato con filetti di mandorle.
Vi consiglio di riporre la torta in frigo e di mangiarla il giorno dopo...sarà più buona!
Ed ecco le foto della mia torta di Attenti al cuoco!

ed eccomi in studio col presentatore!






sabato 31 marzo 2012

bocconcini di spatola allo zafferano

Questa mattina al mercato ho preso una spatola bella grande, me la son fatta pulire e sfilettare dal santo pescivendolo,ormai quando mi vede mi riconosce da lontano per tutte le mie richieste!
Così, con la lisca, ho preparato un brodo ristretto, che userò per preparare un risotto, mentre con i filetti ecco cosa mi sono inventata:

  • i filetti di una spatola
  • 1 cucchiaio di farina
  • zafferano
  • 1 spicchio d'aglio
  • olio d'oliva
  • 5-6 pomodorini
  • 2-3 foglie di nepitella
  • crostini di pane
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
ho preso i filetti, li ho salati, arrotolati su se stessi ed infilzati su degli stecconi di legno.
Li ho poi infarinati leggermente.
In una padella ho messo lo spicchio d'aglio tritato, la nepitella, ho fatto scaldare per 1 minuto e d ho aggiunto il pesce.
Ho sfumato con il vino bianco,l'ho fatto evaporare, ho girato i filetti, poi ho aggiunto lo zafferano sciolto in mezzo bicchiere d'acqua.
Ho fatto cuocere per 5 minuti ed ho aggiunto i pomodorini tagliati in 4 pezzi.
Ho messo il coperchio ed ho spento il fuoco.
ho servito con dei crostini caldi.

venerdì 30 marzo 2012

gnocchetti all'uccelletto

quella che vi racconto oggi è la storia di una manciata di fagioli che diventano gnocchetti.
Da tempo mi frullava in testa l'idea di trasformare il semplice piatto di borlotti in qualcosa di diverso,certo, ne puoi fare un passato, una zuppetta, un insalata, ma un primo piatto...proprio non lo avevo mai visto.
Lungi da me la pretesa di rivendicarne la maternità inventiva... vi assicuro però che sono davvero deliziosi!!!!
ingredienti per 2 persone:

  • 120 gr di fagioli borlotti secchi
  • 1 tuorlo 
  • farina 00 q.b.
  • 10 pomodorini
  • 1 spicchio d'aglio
  • rosmarino
  • peperoncino
  • olio EVO
  • sale
  • 1 foglia di alloro
La sera precedente mettiamo in ammollo i fagioli.
Prendiamo una casseruola, mettiamo i fagioli, acqua a coprire, un filo d'olio, sale e una foglia di alloro. Portiamo a bollore e lasciamo cuocere per almeno un'ora.
Quando i fagioli saranno belli morbidi, passiamoli al setaccio due volte.
Prendiamo la purea ottenuta ed impastiamola, ancora calda, con il tuorlo e la farina, fino ad ottenere un panetto morbido.
Dividiamo il panetto in tanti filoncini, arrotoliamoli e formiamo gli gnocchi.
Io li metto ad asciugare sulla retina che uso per i tortellini, in modo che l'aria passi anche sotto.
Prepariamo il sughetto: in padella soffriggiamo lo spicchio d'aglio ed il rametto di rosmarino, aggiungiamo i pomodorini e saltiamo velocemente per qualche minuto.
saliamo e pepiamo.
Tuffiamo gli gnocchi in acqua bollente salata, non appena verranno a galla, saltiamoli in padella per 2-3 minuti e gustiamo....non potrete esimervi dal fare la scarpetta!!!

martedì 20 marzo 2012

crema gianduia

Una famosa pubblicità recitava "che mondo sarebbe senza nutella?"
In effetti sarebbe un mondaccio!
Così, senza presunzione nel voler emulare la fantastica creazione albese, oggi vi posto la mia interpretazione della famosa gianduia.
Vi darò due ricette, una semplicissima e molto rustica, l'altra invece, più raffinata, per gli esperti in cucina!
Ingredienti per due vasetti da 300 gr:
ricetta semplice:

  • 150 gr di zucchero 
  • 100 gr di farina di nocciole
  • 300 gr di cioccolato fondente
  • 200 ml di latte intero
  • 2 cucchiai di miele
ricetta raffinata:

  • 80 gr di zucchero a velo
  • 100 gr di pasta di nocciole
  • 200 gr di cioccolato extra fondente
  • 200 ml di latte condensato zuccherato
In un pentolino fate sciogliere tutti gli ingredienti insieme.
Fate sobbollire per 15 minuti, quindi invasate nei vasetti sterilizzati e chiudete.
Nel secondo procedimento, è meglio procedere a bagnomaria.
Questa crema a me si conserva anche un mese chiusa nei vasetti...è deliziosa!!!!

tortino di melanzane estivo

Oggi voglio occuparmi della sezione dei contorni ed antipasti.
Quello che vi propongo, è un  tortino semplicissimo, che ho preparato l'altra sera in quattro e quattr'otto come antipasto veloce prima di una sublime orata al limone.
ingredienti per 4 tortini:

  • 1 melanzana tonda grande
  • 12 pomodorini
  • 3 cucchiai di pesto
  • 50 gr di fontina o altro formaggio tritato
  • olio EVO
  • sale,pepe
  • basilico o origano
  • 1/2 spicchio d'aglio
Innanzitutto prendiamo la melanzana ed affettiamola, cercando di ottenere 12 fette sottili mezzo centimetro.
Saliamo le melanzane e passiamole sulla piastra rovente due minuti per lato.
Potete ovviare a questo passaggio comprando delle melanzane surgelate già grigliate, sono buone lo stesso.
Tagliate i pomodorini in 4 e conditeli con olio, sale, pepe, origano o basilico a piacere ed uno "zing" di aglio tritato.
Accendete il forno con la funzione grill, su una teglia formate i tortini: melanzana, una spalmata di pesto e due pezzetti di pomodorino, melanzana, pesto e una spolverata di fontina, melanzana ed una cucchiaiata di pomodorini.
Completate tutto con un filo d'olio e lasciate gratinare per 5-6 minuti o finché non vedete tutto croccante.
potete servirli bollenti o tiepidi a fine pasto.
Una variante potrebbe essere quella di omettere il formaggio, quindi niente pesto e fontina, ma una generosa spolverata di basilico e pangrattato.
Risulteranno più leggeri, ma meno formaggiosi!
Li ho preparati per mio marito, che non mangia latticini e vi assicuro che sono eccellenti!

martedì 13 marzo 2012

RISOTTO AGLI SPINACI

Un piatto veloce che valorizza un ingrediente che sta un po' sparendo dalle tavole degli italiani...gli spinaci!!
Ingredienti per 4 persone:
1 cipolla
300 gr di spinaci 
360 gr di riso carnaroli
800 ml di brodo vegetale
sale
pepe
olio EVO
1 noce di burro per mantecare
Procedimento:
in una casseruola soffriggete la cipolla tritata finemente con l'olio, aggiungete gli spinaci e lasciateli Stufare per 5 minuti.
Sminuzzate gli spinaci al coltello,o con il frullatore se volete ottenere una crema, rimetteteli nella padella,accendete il fuoco ed aggiustate di sale e pepe.
Aggiungete il riso, fatelo tostare negli spinaci per qualche minuto, in modo da non far perdere la forma al chicco, e poi aggiungete brodo bollente a copertura.
Lasciate cuocere, mescolando di tanto in tanto  per 15 minuti, ricordate che se usate carnaroli, il chicco avrà sempre un anima un po duretta.
spegnete il fuoco e mantecate con la noce di burro.
Aquesto punto grana a volontà e...Buon appetito!!!!!!

L'idea in più: saltate in un padellino una manciata di pinoli e aggiungeteli a mantecatura effettuata, daranno quel tocco croccante in più al vostro risotto
Questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2012
http://risaterisotti.blogspot.com/2012/01/rice-blogger-2012-di-risate-e-risotti.html?showComment=1331652704301#c6119229376318513321 


risotto gamberi e arance

Il primo piatto che ho preparato in vita mia è stato un risotto, ricordo che avevo 10 anni e mia mamma aveva appena comprato uno di quei fascicoli sui primi piatti che escono spesso in edicola ed io ,estasiata dalle immagini colorate e perfette non potei fare a meno di "sequestrare" i miei familiari e preparargli il risotto agli agrumi.
Quello che vi posto oggi, è l'elaborazione di quel risotto, adattata alla zona dove mi trovo ora.
ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr di riso per risotti
  • 1 piccola cipolla
  • 1 spicchio d'aglio
  • prezzemolo
  • 400 gr di gamberi 
  • olio
  • 2 arance
  • brodo vegetale
Mettete a scaldare il brodo, pulite i gamberi, mantenendo i carapaci e spremendo le teste in una ciotolina.
Tuffate i carapaci e le teste spremute nel brodo.
In una casseruola mettete due rametti di prezzemolo, mezza cipolla tagliata a pezzi grandi e mezzo spicchio d'aglio.
Fate imbiondire, sfumate con una spruzzata di vino bianco e, quando sarà evaporato, togliete gli odori.
Fate tostare il riso nell'olio (aromatico), salate, spruzzate nuovamente con vino.
Grattugiate la scorza delle arance, aggiungetela al riso, poi, portata a cottura con il brodo, mantenendo però il riso piuttosto asciutto.
Spremete le arance, filtrate il succo con un colino.
Quando il riso sarà cotto, spegnete il fuoco,aggiungete i gamberi ed il succo delle loro teste, mescolate velocemente, poi aggiungete il succo.
Lasciate riposare per 3 minuti, poi impiattate....sentirete che delizia!
Questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2012  



    FARROTTO E RADICCHIO

    Come dice sempre la mia saggia mamma, non c'è piatto più buono di quello improvvisato!
    Sarà perché quando abbiamo pochi ingredienti tendiamo a valorizzarli al massimo o forse perché ci si mette di mezzo anche la santa fortuna, ma è così!
    I migliori piatti che ho creato, sia in ambito lavorativo, che in quello casalingo, sono stati tutti pensati al momento.
    Come per questo farrotto, che ho preparato ieri sera, in 20 minuti, proprio perchè il mio splendido compagno si è presentato alla 21 con un collega!!
    Ora non starò qui ad elencarvi le maledizioni che ho mentalmente espresso per l'ospite inaspettato, ma vi racconterò come ho fatto in meno di mezz'ora, ad avere i complimenti dei commensali!
    Così, mentre i maschietti si prendevano un aperitivo improvvisato con pinzimonio, piadine tostate e hummus, io preparavo la mia pozione....
    Premetto che avevo del farro precedentemente cotto, che doveva servire per un'insalata oggi a pranzo, ma vi assicuro, che anche utilizzando del farro precotto, per intenderci, quello che cuoce in 10 minuti o poco più, otterrete lo stesso un farrotto degno del suo nome!
    Ingredienti per 4 persone:

    • 200 gr di farro ammollato
    • 1 radicchio di chioggia
    • 1 piccola cipolla
    • prezzemolo
    • zenzero
    • olio EVO
    • 100 ml latte
    • vino bianco o un rosso leggero
    • Parmigiano reggiano per mantecare
    Riempite una casseruola con il farro ammollato ed acqua.
    Portate a bollore e lasciate cuocere per 30 minuti.
    Nel frattempo, mondate il radicchio, e tagliatelo a julienne.
    In una Casseruola, fate dorare la cipolla tritata sottilmente, aggiungete il radicchio e fate stufare per qualche minuto.
    Bagnate il radicchio con il latte, aggiungete una fettina di zenzero,e lasciate asciugare.
    Quando il latte sarà evaporato, scolate il farro (conservando l'acqua di cottura)ed aggiungetelo al radicchio, saltate velocemente, salate, pepate e sfumate con vino bianco.
    Portate a cottura il farro utilizzando la sua acqua di cottura.
    Prima di servirlo, mantecatelo con del parmigiano grattugiato, un filo d'olio e prezzemolo tritato.
    Sentirete che delizia!
    Se avete invece il farro precotto, saltate il passaggio della bollitura e tostate direttamente il farro in casseruola col radicchio. Bagnate con brodo bollente .
    Questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2012
    http://risaterisotti.blogspot.com/2012/01/rice-blogger-2012-di-risate-e-risotti.html 

    sabato 10 marzo 2012

    le fette biscottate fatte in casa

    Ultimamente non sto più aggiornando il blog con cadenza giornaliera, lo so, infatti intendo scusarmi con quanti sono lettori fissi.
    Ho però una buona giustificazione, a parte la dieta ferrea a cui ci siamo sottoposti io ed il mio compagno da circa un mese, stiamo organizzando il nostro matrimonio, e così, tra una faccenda e l'altra, questo mio diario purtroppo è passato in secondo piano.
    Ma ora basta, non intendo tediarvi con le mie vicende personali, parliamo di colazione:
    sopratutto di fette biscottate!
    Questa ricetta è tratta da un libro del mio maestro preferito Luca Montersino, io l'ho modificata un po', secondo i miei gusti, perr arrivare ad avere la colazione ideale!!!
    Ingredienti per 15 fettone(30 fette normali)


     
    • 280 gr di farina 00
    • 50 gr di miele
    • 35 gr di burro
    • 1 cucchiaino di sale
    • 1 uovo
    • 110 gr di latte intero
    • 80 gr di pasta madre rinfrescata
    • la buccia di un'arancia grattugiata
    impastate la farina con il lievito, il miele, l'uovo, ed il latte fino ad ottenere una bella palla liscia ed omogenea; sempre impastando, aggiungete, poco alla volta, il burro morbido, l'aroma e da ultimo il sale.
    Dovete ottenere un impasto bello elastico.
    Stendetelo con le mani, e piegatelo a libro, per due, tre volte.Poi fate un salsicciotto ed intrecciatelo su se stesso.
    Prendete la treccia ottenuta e mettetela a lievitare in uno stampo da plum cake imburrato, coperto con della pellicola, fino al raddoppio.
    Cuocete il vostro impasto nel forno caldo a 200° per 40 minuti.
    Se la crosta dovesse imbrunire troppo, copritela con della pellicola.
    Quando il vostro pane sarà ben freddo, tagliatelo a fette spesse un cm e tostatele in forno a 170-180° per 10 minuti.
    io le conservo in un barattolo di vetro a chiusura ermetica per al massimo due settimane.

    giovedì 1 marzo 2012

    kranz al cioccolato

    sembrano difficili da fare, ma vi assicuro che sono semplicissimi. Io ne preparo molti d'anticipo, poi li congelo. la sera lik scongelo, li lascio lievitare di notte ed al mattino li cuocio il 20 minuti....altro che colazione al bar!!!
    ingredienti per 14 kranz:
    • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
    • 230 gr di farina 00
    • 40 gr di cacao amaro
    • 1 uovo e un tuorlo
    • 40 gr di latte intero
    • 40 gr di zucchero
    • 1 cucchiaio di miele
    • 1 cucchiaio di rum
    • scorza di limone
    • 100 gr di burro
    • un pizzico di sale
    • scaglie di cioccolato
    • confettura a scelta
    • 50 gr di lievito madre o 15 di ldb
    Nella planetaria mettete la farina,il cacao, il lievito, il latte e le uova. lasciate impastare fino ad ottenere una palla.
    incorporate a questo punto il burro, poco alla volta. Impastate fino al completo assorbimento, poi unite il sale e gli aromi, lasciate impastare ancora due minuti, coprite con pellicola a mettete a lievitare al calduccio fino al raddoppio della massa.
    Srotolate la pasta sfoglia, spalmatela con la confettura (io ho usato la mia confettura di pesche)e distribuiteci sopra le scaglie di cioccolato.
    Stendete la pasta brioche ad uno spessore di 3 mm, adagiatela sulla pasta sfoglia a contatto con la confettura; ritagliate poi tanti rettangoli di 8x3 cm.
    Attorcigliate i rettangoli su se stessi, mettete a lievitare coperto con pellicola finchè non raddoppiano
    Infornate per 15 minuti a 180°.
    Buona colazione!

    martedì 28 febbraio 2012

    whoopies di san valentino

    Da tempo ne sentivo parlare su tutti i blog di cucina d'oltreoceano, così, dopo che ho visto che alcune delle blogger che seguo ne erano rimaste entusiaste ho deciso di cimentarmi anche io nella moda del whoopies per capire bene di che cosa si tratta!!!!
    Sarò sincera, il whoopie qui da noi esiste da almeno trent'anni in commercio, si chiama infatti yoyo....
    Altro non è che un biscottone composto da due strati morbidosi, tipo muffin e farcito con le più svariate creme.
    quello che vi presento oggi è la mia interpretazione del whoopie di joyofbaking, modificato (italianizzato) e farcito con una semplice crema pasticcera alla vaniglia.
    ingredienti per 8 whoopies grandi o 15 piccoli:

    • 250gr di farina 00
    • 80gr di cacao amaro 
    • 1 cucchiaino di lievito
    • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
    • 160 gr di burro morbido
    • 140 gr di zucchero
    • 60 ml di latte tiepido
    • 120ml di acqua tiepida
    • 1 uovo
    • 1 bacca di vaniglia
    • un pizzico di sale
    per la crema:

    • 500ml di latte intero
    • 5 tuorli
    • 25 gr di amido di mais
    • 80 gr di zucchero
    procedimento:
    Accendete il forno a 200°. in una scodella miscelate la farina con il lievito, il bicarbonato, il sale ed il cacao.
    In un'altra scodella  montate il burro con lo zucchero, aggiungete la vaniglia, conservando il baccello per la crema.
    Aggiungete l'uovo e quando è bene incorporato al burro aggiungete a filo il latte e l'acqua tiepida.
    Mischiate le farine al composto liquido e stendete il composto a cucchiaiate, distanti 5 cm l'una dall'altra, su una teglia da forno imburrata.
    infornateli, abbassate la temperatura a 190° a fateli cuocere per 10 minuti, cioè quando la superficie comincia a spaccarsi.
    per la crema pasticcera mettiamo a bollire il latte con il baccello di vaniglia. a parte montiamo i tuorli con lo zucchero, fino a farli diventare bianchi e spumosi, aggiungere la maizena e, solo quando il latte bolle, tuffare il composto nel latte, senza mescolare.
    Aspettate che si formino tanti piccoli crateri di vapore all'interno della massa di uovo, spegnete il fuoco, date una mescolata veloce con la frusta e la crema è pronta, senza grumi e senza fatica!!
    Quando i whoopies saranno freddi, staccateli dalla teglia, farciteli con la crema ed accoppiateli.


    Io li ho decorati con una ghiaccia ottenuta mescolando 1 albume con 2-3 gocce di limone e 70 gr di zucchero a velo.